Consulenza per la certificazione UNI 10891 “Servizio negli Istituti di Vigilanza Privata”

 La norma UNI 10891 è autoportante, nel senso che gli istituti di vigilanza non devono essere certificati obbligatoriamente anche secondo la norma ISO 9001, pur tuttavia la norma si integra con la ISO 9001 che è uno standard internazionale. Il decreto stabilisce che l’istituto deve avere una struttura organizzativa, di gruppo e di impresa, coerente e funzionale all’attività che si intende svolgere ed ai livelli dimensionali ed agli ambiti territoriali nei quali si intende operare. La sede operativa deve avere impianti tecnici, tecnologici e di sicurezza a norma, in particolare dovranno essere dotate di Centrale Operativa a norma UNI 11068:2005, così come tutti i locali in ambito di deposito e custodia valori dovranno essere idonei ed attrezzati secondo le relative norme UNI/CEI, CEN/CELNEC.

Per quanto riguarda i requisiti professionali, la norma UNI 10891 prevede che all’interno dell’organizzazione venga individuata la figura del “Professionista della Security Aziendale” secondo i requisiti stabiliti dalla UNI 10459:1995. Il decreto impone che per gli istituiti con un numero di guardie giurate superiore a 100 unità e che operano in  ambito territoriale 4 e 5 (territorio ultraprovinciale con popolazione tra i 3 ed 15 milioni ed oltre i 15 milioni di abitanti) devono avere almeno una figura tra il titolare della licenza, l’institore e il direttore tecnico aventi profilo professionale UNI 10459:1995 (Security Manager).

La certificazione di servizio di Vigilanza Privata secondo la Norma UNI 10891 ha lo scopo, quindi, di attestare il raggiungimento ed il mantenimento dei livelli di qualità del servizio nelle diverse tipologie di vigilanza privata:

  • vigilanza ispettiva;
  • vigilanza fissa;
  • vigilanza antirapina;
  • vigilanza antitaccheggio;
  • vigilanza di telesorveglianza;
  • vigilanza di telesoccorso;
  • vigilanza di telecontrollo;
  • vigilanza di intervento;
  • vigilanza di custodia valori;
  • vigilanza di scorta valori;
  • vigilanza di trasporto valori;
  • vigilanza di trattamento denaro e beni assimilabili.

 

A CHI SI RIVOLGE:

Vigilanza ispettiva, vigilanza fissa, vigilanza antirapina, vigilanza antitaccheggio, telesorveglianza, televigilanza, intervento sugli allarmi, scorta valori, trasporto valori, deposito e custodia valori.

I VANTAGGI: 

La certificazione della Norma in oggetto consente a qualsiasi Istituto operante nel settore della vigilanza privata di differenziarsi, facendo emergere in modo tangibile e verificabile la qualità dei propri servizi.
La certificazione del Servizo di Vigilanza privata:

rassicura i clienti circa la conformità ai requisiti stabiliti dalla Norma Tecnica specifica per il settore di Vigilanza privata;

dà credibilità degli impegni assunti, mediante controlli effettuati da un Organismo indipendente di parte terza;

è uno strumento di comunicazione e trasparenza della qualità del servizio che, grazie all’attività di verifica di terza parte, acquisisce credibilità e soprattutto si pone a garanzia della coerenza tra enunciati ed operato;

ha un approccio orientato ai risultati.

 

IL NOSTRO INTERVENTO:

Siamo a disposizione degli Istituti di Vigilanza che intendono rispondere ai requisiti obbligatori di legge, fornendo consulenza ed assistenza per ottenere la certificazione UNI 10891. Ci rivolgiamo anche a tutti quegli Istituti di Vigilanza che vogliono presentarsi sul mercato con una marcia in più rispetto alla concorrenza implementando un sistema ISO 9001 integrato con UNI 10981 ed anche a quelli già in possesso di un sistema di gestione ISO 9001, offrendo un servizio di integrazione ai nuovi obblighi cogenti. 

Inoltre, il servizio prevede:

  • Analisi iniziale attraverso un check-up gratuito volto a determinare le esigenze dell'organizzazione
  • Pianificazione delle attività e definizione delle tempistiche
  • Sviluppo dei sistemi di Gestione
  • Attività di formazione sulle tematiche inerenti la gestione della Qualità
  • Effettuazione di Visita Ispettiva Interna
  • Presenza durante la Visita dell'Ente di Certificazione